21 luglio 2010

Tre giorni

I discorsi e le domande del Grande sono solitamente incentrati, nell'ordine, su:
- ciclismo
- altri sport
- scienza
- attualità, storia, ecc.
Ci sono terreni sul quale cerco di seguirlo, altri in cui mi diverto con lui, altri che proprio mi rifiuto di affrontare, lasciando allegramente il territorio a Pa'.
Da qualche tempo (non so dire se si tratti di giorni o settimane), pero', il Grande tira fuori domande diverse, cose del tipo: "Come stai oggi, mamma?", che mi lasciano interdetta.
Beh', ieri sera il Grande mi ha buttato li' questa: "Mamma, è un bel successo, con oggi sono tre giorni che giochi a Uno di sera con noi". Lo guardo interrogativa e lui si spiega: "non hai avuto neanche un mal di testa che ti ha fermato". Piu' efficace di un IMQ!

4 commenti:

mariacristina ha detto...

Ah questi figli:)

widepeak ha detto...

si, lo fanno. lo fanno. e tu improvvisamente scopri che dietro quelle faccette solitamente autoreferenziali c'è un piccolo cuore che ti osserva spietato ;)

Laura.ddd ha detto...

come l'hai detto bene, Wide: "un piccolo cuore che ti osserva spietato", davanti al quale, aggiungo io, non voglio nascondere la mia debolezza.

wwm ha detto...

hahahahahaha! fantastico!